COSA FACCIO

2021-11-11 08.24.03 1.jpg

L'OSTEOPATIA STRUTTURALE

si occupa dell'apparato locomotore attivo e passivo con particolare attenzione agli aspetti biomeccanici delle articolazioni, dei muscoli, dei legamenti. Questa branca dell'osteopatia considera l’apparato muscolo scheletrico in relazione al funzionamento dei sistemi di tutto il corpo.

 L’osteopata, attraverso le tecniche di Osteopatia Strutturale ricerca il giusto assetto articolare per ristabilire la giusta funzionalità ed equilibrio nelle articolazioni, in modo da ritrovare il loro fisiologico funzionamento.

MANIPOLAZIONE VERTEBRALE
è una tecnica passiva in cui viene esercitato un impulso ad alta velocità e bassa ampiezza (HVLA), direzionato ad una specifica articolazione. Il movimento viene effettuato al limite del range di movimento passivo ed è spesso accompagnato da un udibile “crack”. 

La manipolazione sembrerebbe avere diversi effetti. Quello che sappiamo con sicurezza è che una manipolazione, al contrario di come si credeva fino a qualche tempo fa, non riesce ad allineare segmenti ossei o “aggiustare”/“riposizionare” ossa al proprio posto.

L’HVLA a livello vertebrale può aiutare aumentare l'escursione di movimento.

Un altro effetto che negli ultimi anni sta prendendo sempre più attenzione, è la diminuzione immediata, del dolore.

2021-11-11 08.35.51 1.jpg
2021-11-11 08.31.34 1.jpg

OSTEOPATIA VISCERALE

L'osteopata può utilizzare l’osteopatia viscerale per affrontare molti disturbi e dolori. Tra i 5 principali disturbi e dolori che l’osteopatia viscerale può risolvere ci sono:

Queste ovviamente sono le principali indicazioni, ma ve ne possono essere molte altre.

TERAPIA CRANIO-SACRALE

è una tecnica olistica che prevede un l'approccio dell’operatore alle ossa craniche e sul sacro, alla ricerca di un “contatto” con il ritmo cranio-sacrale che andrà assecondato e stimolato.

Grazie ai collegamenti tra i sistemi che regolano il funzionamento dell’organismo, quindi,  il trattamento è in grado di apportare benefici a tutti i livelli: da efficace trattamento anti-stress, esso può essere in grado di agire a livello posturale, a livello muscolare, a livello dell’apparato gastroenterico e anche nel garantire una migliore respirazione.

La terapia Cranio-Sacrale risulta efficace in molti casi nella cura della sciatalgia, dei mal di schiena, dei traumi da parto, colpi di frusta, emicranie, scoliosi, problematiche del trigemino, vertigini e problemi dell’articolazione mandibolare.

2021-11-11 08.27.12 1.jpg
Frizione del bambino

OSTEOPATIA PEDIATRICA 

L’Osteopatia è un approccio sicuro e naturale per promuovere la salute in tutti gli step della vita. Sono sempre più richiesti i trattamenti osteopatici per bambini, per alleviare le tensioni meccaniche acquisite prima della nascita oppure durante il parto. Ultimamente hanno avuto grande incremento e successo anche gli interventi osteopatici per bambini e neonati all’interno di ospedali. 

L’approccio osteopatico sui bambini è completamente diverso rispetto a quello sugli adulti, in quanto hanno differenti proporzioni anatomiche e fisiologiche ed è importante NON considerare il bambino come un piccolo adulto.

  L’Osteopatia pediatrica utilizza un approccio non invasivo, e (come del resto tutti i trattamenti osteopatici), ha lo scopo di stimolare le capacità di auto-guarigione dell’organismo. L’obbiettivo principale è quello di individuare le zone di alterata fisiologia o irritazione, riconoscendone le cause per permettere al bambino di ritrovare il suo percorso fisiologico di crescita.

L’approccio osteopatico può essere molto utile per molte problematiche, alcune delle quali possono essere:

• 0-12 mesi
Plagiocefalia, ovvero asimmetrie craniche, che possono essere causate da problemi insorti durante il parto, da errate posizioni del sonno o dal fatto di tenere la testa appoggiata sempre sulla stessa zona (laterale o posteriore); coliche gassose; pianto inconsolabile; disturbi del sonno; reflusso gastroesofageo; difficoltà di suzione che impediscono un’alimentazione corretta; otite; stitichezza; problemi respiratori;
• Da 1 a 5 anni
Otiti, riniti, sinusiti, alterazioni posturali arti inferiori, problematiche comportamentali e del linguaggio, ritardo dello sviluppo psicomotorio;
• Di 5 ai 10 anni
Disturbi dell’attenzione, dell’apprendimento, disturbi della postura. disturbi della della vista, malocclusione;
• Dai 10 anni all’adolescenza
Scoliosi, malocclusione, traumi sportivi, cefalee;

IN COLLABORAZIONE CON

Nutri.jfif
demetra.png
poggi.png
WhatsApp Image 2022-02-02 at 16.14_edited.jpg